area riservata clio

Sicurezza >> PSC

PSC

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO (Titolo IV, D.Lgs. 81/2008)

Titolo IV, D.Lgs. 81/2008)

Ai sensi dell’art.90, D.Lgs. 81/2008 il Committente è obbligato a nominare il Coordinatore per la progettazione e il Coordinatore per l’esecuzione dei lavori ogni qual volta sia prevista la presenza di più imprese anche non contemporanea.
Le disposizioni di cui all’art.90 comma 4, si applicano anche nel caso in cui dopo l’affidamento dei lavori a un’unica impresa, l’esecuzione dei lavori o di parte di essi sia affidata a una o più imprese.
Ai sensi dell’art.91 comma 1, lett. a), D.Lgs. 81/2008, il Coordinatore per la progettazione (nominato dal committente o dal responsabile dei lavori), “durante la progettazione dell’opera…”, redige il Piano di Sicurezza e Coordinamento (P.S.C.).
Ai sensi dell’art.100 comma 1, D.Lgs. 81/2008, “Il P.S.C. è costituito da una relazione tecnica e prescrizioni correlate alla complessità dell’opera da realizzare ed alle eventuali fasi critiche del processo di costruzione, atte a prevenire o ridurre i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori […].
Il Piano di Sicurezza e Coordinamento è corredato da tavole esplicative di progetto, relative agli aspetti della sicurezza, comprendenti almeno una planimetria sull’organizzazione del cantiere e, ove la particolarità dell’opera lo richieda, una tavola tecnica sugli scavi. […].”

Il P.S.C. diventa quindi parte integrante del contratto d’appalto e, i Datori di Lavoro delle imprese esecutrici e i lavoratori autonomi sono tenuti ad attuare quanto previsto all’interno dello stesso oltre che, all’interno del proprio Piano Operativo di Sicurezza (P.O.S.)
Il committente o il responsabile dei lavori trasmette il P.S.C. a tutte le imprese invitate a presentare offerte per l’esecuzione dei lavori; sarà poi compito dell’impresa affidataria trasmettere, prima dell’inizio dei lavori, il P.S.C. alle imprese esecutrici e ai lavoratori autonomi.